Blog personale di politica e attualità

Approfittare del Coronavirus

Approfittare del Coronavirus

Se l’epidemia durerà mesi, forse con un aumento esponenziale dei contagiati, alcuni ne approfitteranno. Tra questi potranno approfittare del Coronavirus coloro che useranno il rischio del contagio, per dare una sterzata al mondo, nel senso da loro desiderato.

Per esempio, l’allarme dell’OMS circa i rischi di contagio dovuti alla circolazione delle banconote e delle monete. Potrà essere l’occasione per decidere finalmente una misura di igiene sanitaria e fiscale al tempo stesso. Consentire solo i pagamenti digitali con bancomat e carte di credito. Una riforma economica ancora più grande potrà essere la fine dell’austerità, per fronteggiare i costi dell’emergenza sanitaria.

Autoritarismo vs democrazia e libertà

Altre riforme potranno andare nel senso di un mondo più igienico, disciplinato e controllato. Disposizioni e raccomandazioni insistono sul lavarsi le mani, pulire le superfici, potenziare i servizi igienici, avere i gabinetti sempre forniti di sapone. Un’occasione per migliorare le proprie abitudini igieniche e per il commercio di detergenti e disinfettanti. Le persone evitanti si troveranno più a loro agio nell’osservare le distanze di sicurezza da persona a persona. Meglio evitare di baciarsi, abbracciarsi, stringersi la mano, salire più di uno in ascensore, riunirsi in troppi per troppo tempo. Più sicure le interazioni virtuali. La critica potrà rivalutare Internet. E i sistemi di videosorveglianza, quelle telecamere che permettono di individuare i contagiati, riconoscerli, misurargli la febbre.

Un mondo più controllato sarà un mondo più autoritario? Forse si. E d’altra parte, possono la libertà e la democrazia essere valori in opposizione alla salute? Prevenire e contenere un contagio, richiederà decisioni rapide, indicate dalla scienza medica più che dalla politica. Decisioni che saltano le mediazioni e impongono sacrifici. Libertà e democrazia potranno difendersi con l’argomento della trasparenza e del controllo partecipato. Si può decidere in modo tempestivo e appropriato, se si è informati per tempo in modo corretto. Anche la tentazione di frontiere più chiuse, per fermare le contaminazioni, dovrà cedere il passo a frontiere più aperte. Per far circolare le informazioni, la cultura, la cooperazione.

Approfittare del Coronavirus per la sanità pubblica e il lavoro riproduttivo

Un modello di cooperazione è la sanità pubblica. Il contagio di coronavirus sembra annullare il confronto tra pubblico e privato nella sanità. Nel contenimento e nella cura dell’epidemia esiste solo il servizio sanitario nazionale. La sanità pubblica italiana ha fatto oltre 21 mila tamponi. La sanità privata americana ne ha fatti appena cinquecento su una popolazione cinque volte superiore.

Nell’affermare il primato della salute pubblica c’è lo spazio, per valorizzare il lavoro riproduttivo. E un giusto equilibrio tra riproduzione e produzione, che veda nella qualità della prima la condizione della seconda. Lo sfruttamento umano (di fatto maschile) dell’ambiente ha privato molte popolazioni dell’alimentazione proteica. E le ha costrette a cibarsi di tutto, anche di animali selvatici, come il possibile pipistrello che ha trasmesso il nuovo virus agli esseri umani. Quindi, trattare l’igiene, la corretta alimentazione, la preservazione della natura, come priorità dell’economia. E poiché sono le donne le più specializzate e competenti nel lavoro di cura e riproduzioni, allora possiamo approfittarne. Per promuovere la piena partecipazione delle donne alla gestione dell’economia e delle politiche economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Approfittare del Coronavirus”